WEISSMUSIC.CH
"L'espressione, esprime, la propria emozione..."

IL BLOG DI WEISS 2024
(BLOG 2020) (BLOG 2021) (BLOG 2022) (BLOG 2023)




- Fai le tue regole -

Il titolo del blog è il titolo del libro di Andrew Huang, un musicista e youtuber, nel suo libro dice che ormai è da anni che ha perso gran parte del' udito e sente certe frequenze in maniera alterata, quindi ha dovuto trovare un modo per fare musica che suoni bene per le altre persone e non per come sente lui.

Questa storia mi ha ricordato che ogni persona è diversa e che che ognuno ha un'approccio diverso per quello che affronta.

In questo periodo ho notato una cosa strana, quando sei al lavoro fai un sacco di ore e di azioni diverse e  a dipendenza della giornata neanche ti pesa, però quando sei a casa e vuoi lavorare ai propri progetti e lavori per mezzora sembra che hai lavorato già tantissimo.

La soluzione che ho trovato per me è che mi do delle tempistiche e creo un capo immaginario che mi osserva, così mi comporto come sul mio posto di lavoro, testa bassa e si lavora.

Ognuno ha bisogno di trovare la strategia che funziona per se stesso, se non si sa cosa fare c’è l'infinità di internet per dare spunti.

Ps: un'altro piccolo consiglio: l'energia va dov’è la concentrazione, quindi, bisogna pensare cosa si vuole fare e non cosa si vuole evitare.



Scrivi a Weiss



-Armatura –

Prima di tutto volevo scusarmi per l’assenza di settimana scorsa purtroppo ero ammalato.

Con questo blog volevo introdurvi nella mia tecnica di scrivere canzoni.

Al contrario di quello che pensano le persone di me io non penso molto al futuro e di come fare certe cose, in pratica, io mi definisco un freestyler, penso alla problematica o al progetto dal momento in cui mi ci trovo di fronte, ma grazie alla mia vasta gamma di interessi e la costante fame di informazioni un sacco di soluzioni escono spontanee e così scrivo i miei testi, ho un idea generale e un paio di punti che voglio affrontare, da quel punto in poi vado e faccio quello che mi sembra giusto e mi da più soddisfazione, così è nato questo brano: armatura.

Quando sono partito ero come ispanico
volevo vedere il mondo in modo empatico
carico ah direi pure sovraccarico
spaccavo e mi spaccavo ad ogni incarico
pieno di collera per la gente che non sente
questa spinta della vita e rimane assente
volevo tutto divoravo quello che potevo
ero solo contro il mondo con il mio ego
questa era la filosofia
no no questa era la via
ma allora perché parlo al passato?
Cosa è cambiato? Mi sono adagiato?
Aaah è dura da ammettere
mi hanno prosciugato il nettare
pensavo pure di smettere
finche ho ri letto le mie lettere

rit:
tutti hanno un armaturaaaaa
sempre più più dura
e questa porteraaaa
alla perdità del animaaa           x2

Ho sentito il Weiss del passato infottato
e incazzato per quello che sono diventato
lui si è sempre rifiutato d essere incatenato
o spaventato da quello che l’ ha spaccato
quindi weiss di oggi dimmi il perché?
Hai deciso di seguere altre metriche?
Lo so che colpo dopo colpo si barcolla
ma pure lo sbronzo lo dice, non si molla
ok Weiss del passato fammi prendere fiato
non mi sono ancora rassegnato
e che questa cazzo di armatura pesa
credimi stare in piedi con lei è un impresa
ma hai ragione questo è allenamento
grazie a questo bagaglio io aumento
la mia resistenza la mia volontà
infuochero’ la mia anima un altra volta

rit:
tutti hanno un armaturaaaaa
sempre più più dura
e questa porteraaaa
alla perdità del animaaa           x2


Se volete sentire questa canzone dovete scrivere sul post di questo blog sulla mia pagina FB: Mandalaaaaa. Se almeno 10 persone scrivono questo commento farò un video dove rapperò il brano: Armatura, se il feedback è buono proseguirò a registrarla in maniera seria.

Facebook



- Si può essere sinceri oppure gentili -

La maggior parte delle volte  non capisco gli esseri umani, tutti questi giri di parole per dire il proprio concetto, questo mi porta alla ricerca di come utilizzare le parole per dire il mio punto di vista senza sembrare stronzo.

Però ho notato se si fanno troppi giri di parole (per essere gentili) la maggior parte delle persone non percepisce il concetto che volevo trasmettere, mentre al contrario, se sono troppo diretto sembra un' affronto e le persone si offendono e non danno peso alle mie parole.

Per questo motivo io mi domando perchè le persone preferiscono belle parole al posto di avere la possibilità di crescere, si impara grazie agli errori e dal dolore che si prova a fallire.

Concludo con una delle mie frasi preferite: ci vuole una mente educata per discutere su una tematica di cuoi non si è d’ accordo senza arrabbiarsi.

Quindi, educate la vostra mente :)


- La parte più forte dell'essere umano è anche la sua più debole -

Per coloro che seguono i miei blog sanno che sono nella fase della "ricostruzione", questo mi porta a cercare soluzioni/tattiche per migliorare il mio stato mentale il più veloce possibile, questo lo faccio grazie a uno dei miei siti preferiti: Youtube.

Guardando i vari video ho notato una costante: la mente e l'emozione sono le artefici del destino.

Allora per spiegare questo concetto devo spiegarvi un paio di cose, nel mondo quantistico tutte le opzioni immaginabili esistono contemporaneamente, queste opzioni sono influenzate dall'energia che ricevono, quando l'energia è al massimo collassano tutte le opzioni in uno stato chiamato azione.

Noi esseri umani emaniamo energia (come tutto del resto) ma abbiamo la possibilità di controllare questa energia con i nostri  pensieri ed emozioni, come si fa a manovrare questa energia? Con la visualizzazione e la percezione (immaginaria), con la mente focalizzi cosa vuoi e con il cuore (emozioni) senti come se fosse reale e così invii l'energia.

Ovviamente le cose non si cambiano dal oggi al domani ma è un processo, non si può sovra scrivere un programma intero che si ha esercitato per anni in un giorno, quindi? Giorno per giorno si riscrive il subconscio esercitando gli stessi esercizi, focalizzazione (decidere ciò che si vuole) e integrazione (sentire ciò che proveresti se fosse reale).

La mente è come un muscolo e va allenato per raggiungere il risultato desiderato.


- Ognuno ha bisogno della sua strategia -

Questo weekend youtube mi ha proposto un video intitolato: se non riesci a fare nulla, questo è il motivo.

Essendo proprio in questa situazione non ci ho pensato due volte e ho aperto il video. Il ragazzo ha iniziato a spiegare come funziona il cervello e le varie zone che operano e perchè sono in funzione in quel dato momento, proseguendo nella sue spiegazione dice se si accumulano troppi doveri che ci imponiamo e non riusciamo a completarli entriamo in uno stato di freeze (congelamento), questo succede quando si supera il limite di sopportazione e il subconscio sovrasta il conscio.

Tutto carino fino a qui, ma cosa si può fare per uscirne?

Il trucco sta nel premiarsi celebrando ogni piccola azione (anche quelle comuni), questo fa si che il tuo cervello non si sente più così oppresso e non si sente più in "pericolo" questo porta la mente a consumare meno energia per il subconscio e dare spazio alle nostre scelte.

La cosa bizzarra è che questa tecnica mi era già stata detta ma non l'ho appresa, come tanti consigli che mi vengono dati e non li ho mai compresi.

Per il mio caso penso sia un problema di ego, però ricordate che le persone che vi vogliono bene vi danno dei consigli per il vostro bene.

- Una nota a Weiss -

Per coloro che seguono i miei blog avranno notato che sono scomparso per un mese, come già detto in un' altro blog questo periodo dell'anno non è facile per me, questo stato viene anche chiamato: depressione invernale.

La cosa che io trovo bizzarra è che oltre alla mancanza di sole, del verde e del calore non mi manca nulla. Ho una famiglia che mi vuole bene e io ne voglio a loro, dei amici di cui posso veramente fidarmi, ho la mia bellissima Raven che sta crescendo sana (il mio gatto), ho un lavoro che mi piace e che paga bene, ho del cibo e un' appartamento tutto mio, una macchina, ogni anno posso andare in vacanza all'estero.

Tutto questo mi ricorda un episodio di One peace quando Rabber perde suo fratello e a causa del suo dolore impazzisce, finche gli viene chiesto di ricordarsi di quello che ha ancora e se ne vale la pena andare avanti per quello che gli è rimasto. Ovviamente la risposta era: cazzo SI!

Quindi,  Weiss, ricordati la vita è una montagna russa che ti butta giù per farti apprezzare tutto quello che hai, tutto è impermanente e hai già affrontato situazioni molto più gravi di una depressione invernale.